Messaggio 20 mar 2009, 15:29

Remix Mode [Prima Parte]

Remix Mode "Intro"

DJ famosi quando non sono alle prese con i loro djset o in volo da un continente all'altro passano il loro tempo tra le mura di uno studio remixando per altri artisti anche loro più o meno famosi, questi fortunati ed instancabili individui ricevono dall'artista le tracce separate del pezzo che devono remixare e a seconda di come gli gira o della tendenza del momento decidono quali strumenti rimpiazzare, che tipo di cassa sostituirà quella originale, che velocità metronomica impostare, se utilizzare la traccia vocale così com'è o processarla anche pesantemente, se cambiare la tonalità originale del pezzo o meno, se farla in chiave electro o house, magari con qualche bella spruzzata di jazz... tutto questo viene deciso a pelle e in pochi istanti, il successo di un remix quindi è dovuto in gran parte alle doti artistiche e alla preparazione tecnica di chi lo esegue, chiaramente le doti artistiche devono essere innate mentre per la preparazione tecnica ci si può lavorare, qui di seguito cercherò di esporre qualche concetto di base sul come affrontare un remix casalingo e contemporaneamente spiegherò anche le procedure di base per produrre un pezzo di natura dance con l'ausilio di un sequencer e di una manciata di plugin, nel mio caso specifico utilizzerò ciò che ho a disposizione ma naturalmente ogni sequencer e ogni plugin con le medesime funzioni andrà più che bene.


I forum di tutto il mondo sono pieni di richieste del tipo:

"Salve, vorrei sapere se esiste il modo di estrarre la voce da un disco per poterne fare un remix...."


Inutile dire (basta leggere le decine di migliaia di risposte) che la cosa è praticamente impossibile, sarebbe come estrarre il lievito da una torta fatta e cucinata (stranamente questa risposta identica compare da molti anni e anche in lingue diverse sui forum di tutto il pianeta).
Esiste però una maniera alternativa, procurarsi una versione acapella di un pezzo, qualsiasi dj ha a casa almeno un disco dove oltre alle varie versioni di una traccia ve ne è anche una solo con la parte cantata e senza nessuno strumento sotto che suona, ma guarda che caso... ne ho qualcuno anch'io.


Remix Mode "On"

Cominciamo, dopo aver scartabellato per un paio di minuti nella mia collezione ho trovato un vecchio vinile adatto allo scopo, si tratta di "Short Dick Man" (20 Fingers), dopo aver pulito per bene il disco, messo il pitch fader a zero, aver controllato che tutti gli equalizzatori sul percorso segnale siano in flat e armato una traccia in Cubase, procedo all'acquisizione del materiale a 48khz / 24bit, fatto questo provvedo a ripulirla dagli ultimi rumori di fondo usando prima un denoiser e poi un decklicker, una bella equalizzata, un pelo di compressione e possiamo proseguire.

Immagine

Fig. 1 - La traccia vocale appena acquisita in Cubase


Ok, il prossimo passo è quello di ricavare la velocità in BPM del cantato, semplicemente aziono il click audio, posiziono l'inizio della traccia voce esattamente all'inizio della prima battuta e premo play, a questo punto mi torna utile la mia esperienza di DJ, si tratta di sincronizzare la traccia voce con il click in sottofondo, quasi come mettere a tempo due dischi, questo lo faccio immettendo il tempo direttamente nella transport bar, dopo un minuto circa di tentativi, riesco ad ottenere il tempo perfettamente allineato dall'inizio alla fine della traccia, ora carico un campione di cassa dalla prima battuta e la ripeto in griglia a 4/4 fino alla fine del brano, può essere anche un campione non definitivo, l'importante è che sia perfettamente a tempo con il nostro progetto per poter già avere un'idea del pezzo nelle prime fasi di lavorazione che seguiranno, potremo comunque sostituirlo in un secondo momento se ne abbiamo la necessità, ok, la prima parte è fatta.

Immagine

Fig. 2 - Dopo aver ottenuto la velocità metronomica corretta abbiamo già inserito un campione di cassa ripetendolo per tutto il brano.


A questo punto una cosa fondamentale è quella di trovare gli accordi usati nel disco originale, chi ha la fortuna di riuscire a farlo ad orecchio, chi comincia a strimpellare qualche nota per accompagnare il cantato e dopo qualche tentativo ne ricava gli accordi giusti, io uso un'altro metodo, uso un midifile...